Che cos’è un test della marijuana alla saliva?

Un test della marijuana alla saliva è un metodo per determinare se una persona ha ingerito o fumato marijuana. Il test della marijuana della saliva è il metodo meno efficace dei test di droga comunemente usati per determinare se una persona ha usato il farmaco. La prova che una persona ha usato mostrerà solo per circa due ore. Infatti, un test della marijuana alla saliva può anche essere incline a dare un risultato falso negativo se la persona sottoposta a test ha usato il farmaco molto recentemente prima di testare.

La marijuana, o cannabis sativa, è una pianta. Quando una persona ingerisce o fuma parti della pianta, compresi semi, foglie o fiori, può sperimentare cambiamenti nella percezione che coinvolgono gusto, tatto, vista e passaggio del tempo. Inoltre, l’individuo può avere difficoltà con il coordinamento, difficoltà nel prendere decisioni, o può sperimentare attacchi di panico. L’ingrediente responsabile di questi cambiamenti nella percezione è delta-9-tetraidrocannabinolo o THC. I test antidroga cercano il THC nella sostanza testata.

Gli Stati Uniti classificano la marijuana come farmaco di tipo 1 ai sensi della legge sulla sostanza controllata. Ciò significa che la marijuana non è considerata sicura o efficace per uso medico. Le penalità per il possesso o l’essere sotto l’influenza della marijuana variano da stato a stato. Alcuni stati, come la California, legalmente consentono l’uso di marijuana quando un medico ha prescritto il farmaco.

I test antidroga possono essere richiesti in una serie di circostanze. Ad esempio, una società potrebbe richiedere uno screening per i farmaci, compresa la marijuana, come condizione per l’impiego. I tribunali possono ordinare a una persona di sottoporsi a test antidoping come condizione di patteggiamento o condizionale. Un’istituzione può chiedere al tossicodipendente o al tossicodipendente in via di recupero di sottoporsi a uno screening randomizzato delle droghe per partecipare a un programma che aiuti queste persone a rimanere sobri.

I metodi di screening per la marijuana includono test delle urine, dei follicoli piliferi e della saliva. Il test delle urine è il più utilizzato e il metodo meno costoso utilizzato. La quantità di tempo in cui il THC può essere rilevato varia in base all’individuo e al test utilizzato.

Mentre un test della marijuana alla saliva può essere in grado di rilevare il THC solo per alcune ore, un test della marijuana alla saliva ha vantaggi rispetto ad altri tipi di test. Ad esempio, è più difficile sostituire la saliva di qualcun altro quando il campione proviene direttamente dalla bocca. Inoltre, ottenere campioni per i test è meno imbarazzante rispetto al test delle urine. I risultati dei test arrivano rapidamente, rendendo un test della marijuana saliva comodo da usare quando si pensa che qualcuno sia sotto l’influenza mentre si è al lavoro o dopo un incidente sul lavoro.