Cos’è un impulso femorale?

Un impulso è le pulsazioni ritmiche prodotte dal cuore pulsante di una persona mentre le onde di sangue circolano e espandono le arterie del corpo. Quando l’arteria che è espansa da questi battiti ritmici è l’arteria femorale, le pulsazioni che possono essere palpate sono indicate come l’impulso femorale. L’arteria femorale è un vaso sanguigno molto grande che fornisce alla coscia un sangue ossigenato, un fatto che induce alcune persone a pensare che l’impulso femorale sarebbe più forte di altri impulsi del corpo. È, tuttavia, il polso più difficile da localizzare e di solito non si sente molto forte.

I legumi derivano i loro nomi dall’arteria specifica che viene compressa su un osso specifico. Ad esempio, l’impulso è prodotto dall’arteria femorale compressa sul femore, che è il femore. Sebbene la presenza di un impulso sia un segno vitale, l’impulso femorale non viene quasi mai controllato per verificare se qualcuno è vivo. L’impulso carotideo o radiale è invece verificato come un segno di vita. Un impulso femorale, tuttavia, assicura che il sangue ossigenato raggiunga la coscia.

È corretto dire che una persona ha due impulsi femorali, uno per ogni coscia. Le pulsazioni possono essere palpate nella piega tra l’addome e entrambi i lati della zona inguinale a seconda di quale si trova. Se un individuo è obeso, generalmente è estremamente difficile palpare il suo polso femorale. L’arteria femorale fornisce sangue ricco di ossigeno alla coscia, con il sangue che proviene dal cuore, non scorre verso di esso. La vena femorale è il vaso attraverso il quale il sangue ritorna al cuore.

Anche se è la coscia che viene “nutrita” dal sangue da questa importante arteria, anche la parte inferiore della gamba è nutrita, perché i rami dell’arteria o sporgono mentre viaggia lungo la coscia. Quando si diramano i vasi sanguigni, cambiano anche i loro nomi. Questo aiuta gli operatori sanitari a localizzare un’area specifica del corpo in un dato momento. L’assenza o la debolezza di questo impulso farebbe avvertire gli operatori sanitari della necessità di verificare gli impulsi della caviglia e del piede, perché sono distali rispetto alla coscia. Casi di grave sanguinamento dall’arteria femorale potrebbero richiedere l’applicazione di pressione sull’area di questo polso per controllare l’emorragia.